Lucas Viatri, il nuovo bomber del Boca

E’ un centravanti robusto e potente, un po’ ruvido e sgraziato nei movimenti, ma molto bravo nei colpi di testa e nelle sponde: Lucas Viatri, ventuno anni, sei gol in dieci partite con la maglia del Boca Juniors nel Torneo Apertura, ha preso il posto dell’infortunato Martin Palermo dal 24 agosto, entrando in campo all’inizio del secondo tempo nella gara con il Lanus (2-1). In poche settimane ha convinto il tecnico Carlos Ischia (che era il vice di Carlitos Bianchi, quando quest’ultimo – nel 1996-97 – allenava la Roma) e i tifosi della Bombonera. Ha saputo convivere con le pressioni e le responsabilità, respingendo anche l’insidia dell’esperto Luciano Gabriel Figueroa, arrivato in prestito dal Genoa.

IL BOCA VOLA CON I SUOI GOL – Ha spinto il Boca Juniors al terzo posto in classifica: venti punti in undici giornate, alle spalle del Tigre (23) e del San Lorenzo (25). Lucas Viatri ha spento i rimpianti per l’incidente di Martin Palermo, miglior marcatore nella storia del Boca Juniors con 75 gol in campionato: lesione dei legamenti del ginocchio destro. Rientrato a febbraio da un prestito di sei mesi all’Emelec (Ecuador) e all’Union Maracaibo (Venezuela), il 17 maggio aveva esordito con il Boca nel Torneo Clausura: 2-1 al Racing Club. E sette giorni dopo aveva firmato il gol del pareggio (1-1) con il Velez Sarsfield. Due presenze per un totale di 59 minuti e un gol.

DALLE GIOVANILI ALLA PRIMA SQUADRA – Uscito dal vivaio del Boca Juniors e protagonista a sorpresa dello scorso finale di stagione, in estate Viatri era stato confermato da Ischia. Il tecnico aveva continuato a utilizzarlo con buoni risultati in alcune amichevoli tra la metà di luglio e l’inizio di agosto: il giovane attaccante, soprannominato el Puma, alto un metro e 85 (per un peso di 82 chili), si era messo in evidenza al Nou Camp segnando un gol contro il Barcellona di Pep Guardiola.

ESPLOSO NELL’APERTURA – Da riserva a titolare. In un lampo sono cambiate le sue prospettive: adesso Viatri gioca in coppia con Rodrigo Palacio, corteggiato nei mesi scorsi dalla Lazio. Nel Torneo Apertura ha realizzato finora un gol all’Huracan (31 agosto), una doppietta al Newell’s Old Boys (25 settembre), una rete all’Estudiantes (5 ottobre), ha deciso il derby con il River Plate (1-0, 19 ottobre) e ha colpito ancora anche domenica sera nella sfida con il Rosario Central (2-1).

LA SCHEDALucas Viatri è il classico centravanti d’area di rigore: lotta, scava varchi, ha forza atletica, fa respirare la squadra nei momenti di difficoltà, protegge bene il pallone, in elevazione ha fatto soffrire i migliori difensori del campionato argentino. E pensare che il 2008 era cominciato per Viatri fra ansie e preoccupazioni. Nello scorso marzo era andato a trovare una sua amica in ospedale. E poche ore più tardi si era ritrovato in prigione, accusato di aver partecipato a una rapina in una pellicceria di Buenos Aires. «Ho sofferto tantissimo, è stato un periodo terribile. Colpa di un clamoroso scambio di persona, ma la verità e la giustizia hanno vinto», ha raccontato al giornale Olè. Un mese in cella, prima di riuscire a dimostrare la totale estraneità a questa brutta vicenda e di tornare alla sua vita, al calcio, agli allenamenti con il Boca Juniors. I sette gol da professionista che ha festeggiato con il Boca li ha dedicati sempre al papà Raul, alla mamma Mabel e alla moglie Maria Luz.

CON LUI TANTI CAMPIONI IN ERBA – Nato a San Martin il 29 marzo 1987, Viatri è stato seguito dal tecnico Abel Chueco Alves durante la lunga avventura nel vivaio del Boca Juniors. Questo centravanti, considerato dai giornali di Buenos Aires come il più accreditato erede di Martin Palermo, è uno degli ultimi prodotti dello splendido settore giovanile del Boca Juniors insieme con i difensori Facundo Roncaglia (21 anni), Gabriel Paletta (22), Jonatan Maidana (23) e Juan Forlin (20). Ma Ischia sta raccogliendo indicazioni molto positive anche dal centrocampista Osvaldo Nicolas Gaitan (20) e dalla seconda punta Ricardo Noir (21). L’esplosione di Viatri è uno dei motivi di orgoglio del presidente del Boca Juniors, Pedro Pompilio, che aveva puntato con decisione su questo ragazzo dopo l’infortunio di Palermo. Per evitare di fargli ombra, ha deciso di rinunciare all’acquisto di uno fra Pavone, Farias e Frutos.

NUOVO CONTRATTO IN VISTALucas Viatri guadagna 4.000 pesos al mese. E presto discuterà il nuovo contratto con il Boca Juniors. Il suo procuratore è Cristian Traverso, ex difensore del club gialloblù.

IN SPAGNA LO HANNO GIÀ PUNTATO – Ha già ricevuto offerte interessanti dalla Spagna: il Recreativo Huelva vorrebbe tesserarlo a gennaio, dopo che nello scorso giugno ha ingaggiato a parametro zero un altro baby del Boca, il centrocampista difensivo Sebastian Ricardo Nayar, classe ’88, anche lui gestito dal manager Traverso. Nel Boca Juniors ha compiuto progressi enormi, ma Viatri si era inserito con disinvoltura anche nell’Union Maracaibo e nell’Emelec. In Ecuador era diventato uno dei pilastri della squadra allenata da Carlos Torres Garces, che lo aveva scelto per sostituire l’attaccante paraguaiano Israel Rodriguez.

fonte: corrieredellosport.it

C_3_Media_529606_immagine_det.jpg
Lucas Viatri, il nuovo bomber del Bocaultima modifica: 2008-10-28T11:22:00+01:00da elpochoesdeboca
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Lucas Viatri, il nuovo bomber del Boca

Lascia un commento